04 dicembre 2021

Pericoli delle nanotecnologie in biologia

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

 




Autore: Prof. Alexander Trifonov

 04 novembre 2018

Fisici e microbiologi hanno scoperto proprietà finora sconosciute delle nanofibre prodotte dai batteri per trasportare gli elettroni su lunghe distanze, proprietà che potrebbero portare a una rivoluzione nelle nanotecnologie e nella bioelettronica.


Traduzione a cura di: Scie Chimiche: Informazione Corretta

Tradotto da: Brodbg.com


1. Conduttori Bionano
Fisici e microbiologi hanno scoperto proprietà finora sconosciute delle nanofibre prodotte dai batteri per trasportare gli elettroni su lunghe distanze. Questa proprietà potrebbe portare a una rivoluzione nelle nanotecnologie e nella bioelettronica. Sulla base dei batteri prodotti dal batterio Geobacter sulfurreducens1, le nanofibre possono produrre componenti elettronici più economici e non tossici per biosensori ed elettronica su circuiti solidi che interagiscono con questi sistemi biologici. Per la prima volta si osserva il trasferimento di carica elettrica attraverso i filamenti proteici in modo simile ai fili metallici. I filamenti proteici batterici, noti come nanofibre microbiche, possono trasportare l'elettricità con la stessa efficienza delle nanostrutture sintetiche organiche e metalliche comunemente utilizzate nell'elettronica. Lo fanno a distanze incredibili, migliaia di volte più lunga della lunghezza dei batteri stessi. In questo modo svolgono la funzione di conduttori metallici che possono essere utilizzati in ambienti umidi o addirittura in acqua.

Pericolo:
1. Gli ambienti acquatici non costituiscono più un ostacolo al funzionamento dei dispositivi terroristici.
2. È estremamente difficile rilevare il funzionamento di tali dispositivi (basati su fibre bioniche) se operano in un ambiente acquatico.
3. Questi fili sono un elemento per modellare un cervello artificiale e creare nuovi bio-oggetti sconosciuti nella fauna del mondo. Le nanotecnologie possono influenzare gli oggetti biologici: • Influenzando il DNA; • Riproduzione di copie artificiali di oggetti biologici; • Utilizzo di oggetti biologici come vettori di nanodispositivi; • Impatto sull'ambiente; • Sulle persone

2. Il DNA come oggetto di influenza
Questa influenza può manifestarsi con:

2.1 Effetti sul DNA
Quando il DNA mitocondriale contiene difetti genetici, i mitocondri non funzionano correttamente e non producono energia sufficiente, questo porta al cosiddetto DNA, che è in grado di ripristinare completamente la sua forma dopo la rimozione e l'aggiunta di acqua. Può essere utilizzato per somministrare farmaci (le cavità verranno riempite con la sostanza selezionata che verrà rilasciata nella degradazione dell'idrogel) o come scheletro per la rigenerazione dei tessuti.

2.3
Nanotecnologie basate sul DNA Nell'ambito delle nanotecnologie basate sul DNA . nanotecnologia del DNA) significa lo sviluppo e la produzione di strutture artificiali di acido nucleico per applicazioni tecnologiche. Gli acidi nucleici non vengono utilizzati per trasferire informazioni genetiche nelle cellule viventi, ma come vettore di materiale per le esigenze dell'ingegneria non biologica con i nanomateriali.

computer del DNA
Il computer/biocomputer bioautomatico Benenson-Shapiro3 è un computer DNA multiuso sviluppato nel 2002 dai professori israeliani Ehud Shapiro e Jacob Benenson dell'Istituto Weizmann. Nel gennaio 2013, sono riusciti a salvare diverse foto in formato JPEG in formato JPEG e un file audio. Anche il Transcriptor 4 (transistor biologico) è stato creato a marzo. Il metodo del DNA consente di generare immediatamente tutte le possibili soluzioni con l'aiuto di reazioni biochimiche, dopo di che è possibile filtrare proprio questo filo-molecola in cui è codificata la risposta corretta. Secondo l'IDC, entro il 2020 la quantità di dati creati e archiviati dall'umanità raggiungerà i 40.000 exabyte, ovvero 40 trilioni di gigabyte, o 5.200 gigabyte pro capite. Basteranno meno di 100 grammi di DNA per memorizzare tutte queste informazioni.

Pericolo: Il
biocomputer con le sue dimensioni in miniatura e la capacità di operazioni logiche e di reazione del suono e dell'immagine può essere utilizzato per controllare l'esperienza di bombe / dispositivi " dormienti", Prof. Alexander Trifonov Agosto 2018 22 23 che verrà attivato automaticamente quando preimpostato vengono visualizzati parametri quali suono e immagine .

DNA-car
DNA-car è costituito da molecole di DNA, utilizzando la tecnologia del DNA e ha una dimensione circa 100 volte più piccola di un micron. Possono lavorare come guaritori - diagnosticare la cellula malata, somministrarle medicine e anche costringerli a lavorare come trasportatori di "spazzatura" di sostanze indesiderate. Sono la base delle nuove scienze - "Diagnostica Molecolare" e "Chirurgia Molecolare".
I meccanismi molecolari creati con l'aiuto delle nanotecnologie sono chiamati nanoassemblatori. E il compito più importante della nanotecnologia e della nanobiotica è creare un robot delle dimensioni di un batterio e poter riprodurre (replicare) questo robot e creare altri meccanismi secondo un programma prestabilito.

Pericolo:
1. Senza sospettare, ogni persona può bere un succo in cui ci sono strutture che dopo essere entrate nel sangue possono auto-organizzarsi in una data struttura. E ad esempio, se ha assorbito con loro atomi di idrogeno dopo il tempo programmato, questo idrogeno viene rilasciato e con l'ossigeno nel sangue si forma un "gas esplosivo". Cioè, una persona completamente casuale può diventare una bomba/terrorista.
2. Con nanokolite potrebbe infettare le cellule o creare particelle nel corpo del bersaglio specifico, che danneggiano i suoi organi o peggiorano quelli letali malati. Ciò dimostra quanto sia importante conservare rigorosamente i dati sulla condizione fisica della popolazione.

3.1 Fegato artificiale
Il fegato è particolarmente sensibile a virus e veleni. Gli scienziati dell'istituto hanno creato un chip che contiene 1,5 milioni. cellule epatiche viventi ed è costituito da due wafer di silicio estremamente sottili con molti microcanali. Sulla loro superficie ci sono cellule viventi, che si trovano in cellule di dimensioni micron. Sono un "bioreattore" in grado di produrre sostanze specifiche se esposto ad altre sostanze e microrganismi. L'acqua circola costantemente attraverso il chip, che fornisce alle cellule sostanze nutritive. Le cellule si auto-organizzano in strutture come il vero fegato e il chip/bioreattore inizia a funzionare come il fegato. In questo modo, può neutralizzare i veleni nel sangue del soldato e segnalare tempestivamente tale pericolo. In Russia usano il cosiddetto nanocentauri - nanoparticelle inorganiche e organiche che vengono introdotte in biopolimeri appositamente selezionati o sintetizzati. Sono in grado di intrappolare i radicali liberi dannosi che danneggiano le membrane delle cellule viventi.

3.2 Occhio L'
impianto di neuroni di topo su una sfera di tubi di carbonio (fullerene sferico) avviene con l'ausilio di corrente elettrica. In questo modo si costruisce un'interfaccia neuroelettrica tra neuroni e nanotubi. I tubi in carbonio sono un eccellente conduttore elettrico, hanno una buona conduttività termica e hanno un'elevata biocompatibilità. Questa è la prima esperienza nel campo degli impianti di tessuti nervosi.

3.3 Scheletro
Il tessuto osseo umano contiene 20 proteine ​​morfogenetiche ossee. Per ora è difficile riprodursi in condizioni di laboratorio, ma gli scienziati sono in grado di controllare/modellare il meccanismo di rigenerazione e attraverso la nanotecnologia di consegnare al sito danneggiato il necessario materiale "da costruzione" a base di proteine ​​ricombinanti simili a quelle umane su un polimero. base (polimetilmetacrilato-policaprolattano-idrossiapatite), attorno alla quale sono avvolti con il metodo della "trasmissione elettrica" ​​conduttori in acciaio del diametro di 0,3 mm. Questo metodo è un processo nanotecnologico per ottenere strutture simili a tessuti da microfibre sotto l'influenza della carica elettrica. Le strutture risultanti sono ossa artificiali con una sostanza porosa, che si ottiene con metodi standard di ossido di zirconio e fosfato di calcio. I fili di acciaio vengono quindi rimossi, lasciando un composto che ricorda da vicino le ossa umane. Entra nella pratica e nella costruzione di ossa da materiale superduro mediante fotolitografia laser o stampa 3D.

3.4 Muscoli 6
Scienziati degli Stati Uniti e del Canada hanno creato un materiale polimerico da molecole proteiche artificiali con le proprietà uniche del tessuto muscolare: una combinazione di forza ed elasticità. Si basa sulla tendenza della carica elettrica a provocare l'attrazione reciproca dei filamenti di nanotubi di carbonio, a seconda della loro configurazione. I muscoli naturali si contraggono fino al 10% al secondo, mentre le fibre di nanotubi si contraggono fino al 40.000% allo stesso tempo perché viene utilizzata una carica elettrica invece dell'attuale movimento ionico nel fluido elettrolitico. Queste fibre muscolari mantengono le loro proprietà nell'intervallo di temperatura da -1950 C (temperatura di liquefazione dell'azoto) a +15000 C (punto di fusione del ferro). 3.5 Pelle Per fotopolimerizzazione dell'acido ialuronico, che si trova nella pelle umana e serve per la sua rigenerazione si ottiene biomateriale come un tessuto elastico che ha proprietà di bioingegneria ottimali: elasticità, adesione, resistenza meccanica. Sembra vera. Per essere "intelligenti", cioè per poter trasmettere informazioni al sistema nervoso tra 2 strati di pelle, vengono posti dei tubi di carbonio, che producono elettricità sotto pressione. Per aumentare la sua "intelligenza", si stanno sviluppando cellule speciali per rispondere a determinate frequenze luminose utilizzando l'optogenetica e altri stimoli esterni. sono installati tubi in carbonio, che producono elettricità sotto pressione. Per aumentare la sua "intelligenza", si stanno sviluppando cellule speciali per rispondere a determinate frequenze luminose utilizzando l'optogenetica e altri stimoli esterni. sono installati tubi in carbonio, che producono elettricità sotto pressione. Per aumentare la sua "intelligenza", si stanno sviluppando cellule speciali per rispondere a determinate frequenze luminose utilizzando l'optogenetica e altri stimoli esterni.

3.5 Pelle
Mediante la fotopolimerizzazione dell'acido ialuronico, che si trova nella pelle umana e serve per la sua rigenerazione, è stato ottenuto un biomateriale come un tessuto elastico che ha proprietà di bioingegneria ottimali: elasticità, adesione, resistenza meccanica. Sembra vera. Per essere "intelligenti", cioè per poter trasmettere informazioni al sistema nervoso tra 2 strati di pelle, vengono posti dei tubi di carbonio, che producono elettricità sotto pressione. Per aumentare la sua "intelligenza", si stanno sviluppando cellule speciali per rispondere a determinate frequenze luminose utilizzando l'optogenetica e altri stimoli esterni.

3.6 Cervello
Come notato sopra, è già stato creato un biocomputer. D'altra parte, i nanotubi di carbonio possono sostituire il silicio, che è stato a lungo un ingrediente importante nella produzione di microprocessori. Gli scienziati IBM hanno dimostrato che un transistor a 10 nanometri fatto di nanotubi di carbonio è migliore di un semplice transistor di silicio. Oltre ad essere più potenti, questi transistor consumeranno molta meno energia rispetto a quelli tradizionali. Le loro dimensioni li renderanno ideali per piccoli dispositivi che richiedono molta memoria della CPU. Intel ha annunciato che inizierà a utilizzare transistor 3D nel processo di produzione a 22 nanometri. Pericolo: Gli elementi base per la creazione di un biorobot sono già stati creati e non resta che collegarli in un comune sistema informativo e gestionale. Allora sarà difficile distinguere il futuro terrorista, ma almeno all'inizio sarà un evento costoso, ma tutto dipende dallo scopo. Il biorobot può essere utilizzato anche per monitorare oggetti speciali e analizzare situazioni, senza intervento attivo e senza destare dubbi. I metodi e le tecnologie per riconoscere i biorobot da persone normali devono essere sviluppati in parallelo.

3. http: //www.dna .caltech.edu / corsi / cs191 / paperscs191 / benenson_ review2004.pdf
4.https: //www.google.com/search? q = nanotecnologia + macchine & tbm = isch & tbo = u & source = univ & sa = X & ved = 0ahUKEwi7 7auC-dHWAAQT = 598
5. Soldato del futuro, 11.http: //www.nanonewsnet.ru/articles/2007/ soldat-budushchego-chast-vo-chto-odetsya 6.https: // www.google.com/search? Q = nano + muscle & tbm = isch & tbo = u & so urce = univ & sa = X & ved = 0ahUKEwiJjZL7-dHWAhWmE5oKHZCJAF4QsAQIJ Q & biw = 1066 & bih = 598 # imgrc_bns

Nessun commento:

Posta un commento