Scie Chimiche: Informazioni Corrette
Attenzione ad alcuni gruppi di Facebook, sono foraggiati dalla mafia medica e fanno parte del Cicap. Sono atti a creare falso ideologico, molestie, minacce,e sopratutto far segnalare le pagine di informazione. All'interno vi sono medici corrotti e stalker di professione. I gruppi in questione sono; Perle Complottare,NWO Italia,Perle Uncensored,LE SCIE CHIMICHE SONO UNA CAZZATA, Protesi di Protesi di Complotto, Analfabetismo Funzionale, dove trovarlo. Mi raccomando, segnalateli a Facebook. Se chiudono gli finisce la loro sporca pagnotta."

RICERCA PERSONALIZZATA

sabato 17 novembre 2018

Il progetto HAARP - Estratto da "Cosa Nascondono i Nostri Governi?"

stampa la pagina

Anteprima di alcune pagine del libro "Cosa Nascondono i Nostri Governi?" di Carlo Di Litta e Quinto Narducci


di Carlo Di Litta

Intimamente connesso alle scie chimiche, il progetto HAARP (High-Frequency Active Auroral Research Project) è ufficialmente nato per studiare le proprietà della ionosfera terrestre.
Lo scopo dichiarato è quello di migliorare le comunicazioni e i sistemi di sorveglianza, come ad esempio lo sviluppo di nuove tecniche radar che permettano agevoli comunicazioni con i sottomarini e rendano possibili radiografie di terreni, in modo da rilevare armi o attrezzature a decine di chilometri di profondità; la rilevazione di oggetti che si muovono nell’aria (ad esempio aerei e missili Cruise a basse quote) e determinare quali siano armati e quali innocui; effettuare sondaggi geofisici per trovare petrolio, gas e giacimenti minerari su vaste zone... e un’altra serie di scopi scientifico-militari.
Tutto questo è possibile anche perché la nostra atmosfera è composta da particelle cariche, gli ioni, per cui possiede la proprietà di riflettere verso terra le onde hertz.
HAARP ha sede a Gakona, Alaska, ed è costituito fondamentalmente da 180 piloni di alluminio alti 22 metri. Su ogni pilone sono state installate doppie antenne a dipoli incrociati, una coppia per la banda bassa, l’altra per la banda alta, in grado di trasmettere onde ad alta frequenza fino a una distanza di 350 chilometri, grazie alla loro potenza.
Queste onde sarebbero indirizzabili verso zone strategiche del pianeta, tanto atmosferiche quanto terrestri.
HAARP, sempre ufficialmente, studia le proprietà di risonanza della terra e dell’atmosfera: gli stessi fenomeni studiati da Nikolas Tesla. Credo però che i fini di HAARP non siano nobili come quelli del geniale scienziato.
Infatti, come spesso succede, bisogna andare oltre gli scopi ufficiali.
Negli anni ottanta, Bernard J. Eastlund, fisico texano del Mit di Boston, ispirandosi alle scoperte di Nikolas Tesla, registrò negli Stati Uniti il brevetto n° 4.686.605, denominato Metodo e attrezzatura per modificare una regione dell’atmosfera, magnetosfera e ionosfera terrestre, a cui ne fece seguire altri undici.
In uno di questi era descritta la proprietà riflessiva della ionosfera per utilizzi quali i sistemi di raggi energetici, esplosioni nucleari graduali senza radiazioni, sistemi di rilevamento e distruzione di missili nucleari e sistemi radar spaziali. Inoltre, queste invenzioni rendevano possibile la manipolazione del clima, ossia provocare la pioggia quando necessario per favorire l’agricoltura o neutralizzare fenomeni distruttivi, come tornado e uragani.
Poi, intervenne il governo e tutti i brevetti di Eastlund vennero dapprima sigillati con un ordine di massima segretezza, per passare infine alla E-Systems, una delle maggiori fornitrici di tecnologie avanzate dei Servizi Segreti di numerose potenze mondiali, assorbita dalla Raytheon, una delle quattro maggiori fornitrici della difesa USA, produttrice dei missili Tomahawk, Stinger (questi spesso finiti nelle mani di paesi “canaglia” e gruppi terroristici), e dei famigerati Bunker Buster.
Secondo le scoperte di Eastlund, dirigere la potenza di HAARP verso uno specifico punto della ionosfera la farebbe riscaldare al punto da innalzarla fisicamente, in modo da creare un rigonfiamento altamente riflettente, da lui definito “effetto lente”, in grado di convogliare i raggi del Sole sulla Terra con effetti devastanti.
La potenza di tali onde sarebbe tale da provocare modifiche molecolari dell’atmosfera causando, a seconda delle diverse frequenze, cambiamenti climatici, la possibile disgregazione di processi mentali umani e, forse, effetti sui movimenti tettonici di magnitudine imprecisata.

HAARP come strumento di controllo delle onde celebrali

Il nostro pianeta è circondato da una griglia magnetica, che permette uno scambio energetico tra le diverse zone, da cui partono i cordoni eterici che costituiscono la rete. Si crea così una relazione tra tutti gli esseri viventi, sia del pianeta che dell’universo: Sole, stelle ecc... come se fossimo un unico immenso organismo cosmico vivente e interagente.
Ogni individuo è collegato a tali griglie energetiche tramite la propria corteccia cerebrale, essendo la creatura dotata di una complessa struttura elettromagnetica in stretto collegamento con la struttura elettromagnetica del pianeta. Per cui, gli stadi della nostra coscienza sono dovuti all’attività elettrochimica del cervello che si manifesta attraverso onde elettromagnetiche: le onde cerebrali, appunto.
Inoltre, ogni attività cerebrale emette onde particolari che possono entrare in risonanza con le onde sonore esterne. È per questo che il cervello può essere “veicolato” attraverso determinate vibrazioni energetiche, stimolato a sintonizzarsi su una data frequenza (e quindi sull’attività celebrale che le corrisponde), perché esso è portato a funzionare come un insieme.
Altresì, il cuore umano emette un campo elettromagnetico che circonda l’intero corpo. Questo campo invia segnali a ogni cellula, segnali che incidono sulla salute fisica, mentale ed emozionale. Il campo di energia del cuore interagisce ed è influenzato dal campo elettromagnetico della Terra, così come con quello di altre persone, piante, animali incluso lo spazio, i pianeti e anche le stelle.
In questo stato di cose, quando i governi vogliono influenzare il nostro cervello, il nostro cuore e la nostra salute, non devono far altro che andare a deformare le onde elettromagnetiche della Terra che, in connessione con il nostro cervello, influenzano le vibrazioni dei nostri stati d’animo.
Già Nikolas tesla aveva scoperto che tutti i sistemi biologi risuonano secondo le onde alpha, tra i 6 e gli 8 hertz, e che la risonanza della terra (vedi la risonanza Shuman) vibra nello stesso intervallo di valori. Perciò, se è possibile controllare queste vibrazioni elettronicamente, è possibile altresì controllare il sistema mentale della natura biologica umana.
Di fatto, il cervello umano usa e registra le ELF (onde a bassissima frequenza), per cui frequenze intorno ai 10,8 hz causano insofferenza mentre quelle intorno ai 6,6 hz depressione.
Con l’atmosfera resa conduttiva dai metalli ionizzati, sistemi come quello dell’HAARP, interagendo con le scie chimiche, possono produrre frequenze in grado di risuonare e quindi influenzare il nostro sistema cerebrale (anche attraverso tutte le reti di comunicazioni istallate nelle nostre case o sul territorio).
Sempre Rosario Marcianò ha asserito che con il sistema HAARP vengono sparate nella ionosfera onde ad alta frequenza, leggermente sfasate, che rimbalzano nel suolo a bassa frequenza, quella che agisce sulla mente e sul comportamento umano.
Le basse frequenze vengono utilizzate inoltre per inviare dei comandi, utilizzando appunto suoni che non rientrano nel campo dell’udibile ma che sono percepiti dal cervello con un ordine. Ciò avviene soprattutto durante la notte, influendo sulla fase REM del sogno. Si vuol raggiungere un controllo mentale, rendendo le persone degli automi. L’atmosfera deve essere elettroconduttiva per far funzionare le stazioni HAARP al meglio, soprattutto attraverso una vasta diffusione di Bario, elemento costantemente presente nelle scie chimiche, proprio a causa della sua natura elettroconduttiva.
L’obiettivo che si sta già raggiungendo è quello di rendere elettroconduttiva anche la media e la bassa quota, attraverso le scie chimiche, simulando così le caratteristiche della ionosfera.
Ultimamente, perfino l’attuale presidente della russia, Vladimir Putin, ha confermato che la russia ha testato nuove armi psicotroniche che possono effettivamente trasformare le persone in zombie. Queste armi, che attaccano il sistema nervoso centrale delle loro vittime, sono state sviluppate dagli scienziati e potrebbero essere usate contro i nemici della russia oppure contro i dissidenti.
Putin ha descritto queste armi, che utilizzano radiazioni elettromagnetiche come quelle del forno a microonde, come nuovi strumenti per il raggiungimento di obiettivi politici e strategici.
L’utilizzo di questa tecnologia è stato annunciato dall’allora ministro della Difesa Anatoly Serdyukov. In seguito, il colonnello russo Anatoly Tsyganok ha detto che le armi erano state di recente testate per il controllo della folla, concentrando i loro effetti su un uomo in particolare, al quale è stata aumentata repentinamente la temperatura corporea, come se fosse stato gettato in una padella piena d’acqua ben calda.

Morie di animali e HAARP?
Il caso delle tortore morte a Faenza

Tra la fine del 2010 e i primi giorni del 2011, un inquietante avvenimento caratterizzò diverse nazioni del pianeta: la moria di diverse specie di uccelli e pesci.
Negli Stati Uniti, furono ritrovati morti oltre 5000 merli in Arkansas, circa 500 in Louisiana e qualche centinaia in Kentucky. Sempre in Arkansas, morirono più di 100mila pesci appartenenti alla specie Tamburo. Nello stesso periodo in Svezia, nella cittadina di Falkoepink, a 300 chilometri a Sud di Stoccolma, una pattuglia della Polizia Municipale rinvenne dei corvi stecchiti e agonizzanti in una delle strade principali della cittadina.
Sempre nel gennaio 2011, in Brasile, furono ritrovati morti circa un quintale tra sardine, ombrine e pesci gatto. Nello stesso periodo altri cadaveri di pesci furono rinvenuti nella penisola di Coronale, in Nuova zelanda.
In Italia, c’è stato il controverso caso delle Tortore dal collare bianco, trovate morte a Faenza nei pressi dell’oleificio-distilleria Zamperei, agli inizi del gennaio del 2011.
L’evoluzione che ha avuto la vicenda nel corso dei mesi è stata degna di una sceneggiatura hitchcockiana. Come cause del decesso sono state citate il cattivo tempo, l’indigestione, l’aviaria, le profezie... e, anche sul numero dei decessi, le notizie variavano di giorno in giorno. Dalle iniziali 400 tortore morte, si è arrivati a contarne oltre 3500, almeno ufficialmente.
L’indagine ha visto coinvolti contemporaneamente il Corpo Forestale dello Stato, le AUSL, l’ARPa e il WWF, le cui versioni, almeno inizialmente, contrastavano tra di loro.
Dopo pochissimi giorni dall’evento, la causa della moria fu attribuita a «un’indigestione di semi di girasole lavorato», come dichiarato da Rodolfo Ridolfi, consigliere dell’allora ministro Renato Brunetta e dell’istituto zooprofilattico di Lombardia e dell’Emilia Romagna, con sede anche a Lugo, dove furono portate le prime tortore morte. Questa diagnosi fu formulata perché nel gozzo dei volatili esaminati furono trovate abbondanti tracce del prodotto dei semi di girasole.
A chi contestava il fatto che la zona fosse frequentata anche da altri volatili, ad esempio i piccioni, Ridolfi ribatté che, come evidenziavano le lesioni al fegato, le tortore, secondo la letteratura scientifica, quando mangiano più del dovuto rischiamo di morire, cosa che non accade invece ad altri uccelli che condividono gli stessi spazi, quali gabbiani e piccioni. Tale versione fu confermata anche dal Corpo Forestale dello Stato.
Chi mostrò dei dubbi su tale versione fu il WWF, secondo cui la stessa concentrazione spazio/temporale dei decessi, la notevole quantità di uccelli morti nei pressi di uno stesso stabilimento, il decorso post-ricovero delle tortore recuperate rivelerebbero un quadro compatibile con un avvelenamento acuto da sostanze tossiche. A rafforzare tale ipotesi sarebbe stata la rapida necrosi del fegato e dei reni, quando i semi si trovavano ancora nel gozzo degli animali, non ancora scesi nell’esofago.
Il dottor Nannetti, direttore dei Servizi veterinari dell’AULS di Modena, in un’intervista all’agenzia di stampa Geapress di fine gennaio 2011, quando le tortore continuavano a morire, rispose che non poteva essere esclusa nessuna causa del decesso.
Fondamentali si sarebbero dimostrati i risultati tossicologici della sede centrale di Brescia dell’Istituto Zooprofilattico di Lombardia ed Emilia-Romagna e del corrispondente istituto con sede a Padova.
Intanto, la Procura della Repubblica di Ravenna che diede il via alle indagini, dirette dal dottor Cerioni e affidate unitamente all’ARPA e al Corpo Forestale dello Stato, nel marzo 2011 segretò le indagini relative alla morte delle Tortore dal collare bianco. Poi, nel giugno 2011, arrivò l’archiviazione del caso, con la conclusione che a uccidere gli oltre 3500 esemplari di questi volatili sarebbe stato un virus, il Paramyxovirus I (aPMV-1), che avrebbe dato origine a un’epidemia simile alla peste.
Giorgio Andreatta, del Corpo Forestale dello Stato, disse che probabilmente le tortore erano già debilitate da un lungo spostamento e che non trovarono un clima favorevole.
L’ipotesi del clima sfavorevole fu confermata anche da Paola Massi, direttrice dell’Istituto Zooprofilattico di Forlì, Rimini e Ravenna, che in una conferenza stampa disse che il freddo costituisce un problema per le Tortore dal collare bianco, provocando spesso la loro morte, soprattutto nei periodi tra novembre e febbraio. Ella dichiarò che, verosimilmente, le tortore sarebbero arrivate in massa con il virus già in incubazione, infreddolite, e si sarebbero poi gettate sugli scarti dei semi dello stabilimento. L’alta concentrazione degli uccelli nello stesso punto avrebbe quindi velocizzato la diffusione della malattia.
I semi dello stabilimento Tampieri, che dagli esami tossicologi risultarono non contaminati da pesticidi, neonicotinoidi e micotossine, furono così scagionati.
Nonostante le spiegazioni ufficiali non possiamo esimerci dal fare alcune riflessioni.
Il fenomeno di Faenza è stato improvviso e concentrato in un’area che normalmente non è protagonista di una moria tanto vasta di questo determinato tipo volatile. I dubbi aumentano collegando il caso di Faenza con altri casi, come quelli negli Stati Uniti.
Ritornando un attimo alla morte dei merli che si verificò qualche giorno prima in Arkansas, il dottor George Badley, considerato tra i migliori dello Stato, dichiarò alla NBC News che i merli morirono per un trauma agli organi. Il loro stomaco era vuoto, il che escludeva il veleno. Si riscontrò inoltre che erano morti a mezz’aria e non nell’impatto con il terreno. Poi, il fatto che i Merli dalle ali rosse volino in stormi vicini, fa aumentare le possibilità che abbiano subito un forte urto in volo.
Anche se le tortore di Faenza sono morte mentre mangiavano, sempre secondo le dichiarazioni ufficiali, sorge spontanea la domanda: se HAARP avesse mandato in corto circuito i sistemi di navigazione di uccelli?
Uccelli e pesci possono essere sensibili a impercettibili variazioni di frequenza. Entrambi si spostano in modo altamente coordinato, di conseguenza si muovono e comunicano attraverso frequenze.
Potrebbe il dispositivo HAARP in Alaska aver mandato in cortocircuito i loro sistemi di navigazione?
O, forse, questo è l’inizio di un effetto a cascata dovuto a decenni di inquinamento da campi elettromagnetici e onde ELF intorno al pianeta, provenienti da una vasta gamma di moderni mezzi di comunicazione?
Felce e Mirtillo, nell’intervento già menzionato, ha dichiarato che queste morie di animali verificatesi quasi contemporaneamente in diversi parti del mondo sono state una dimostrazione di forza degli eserciti che controllano il progetto HAARP correlato con le scie chimiche, con l’intenzione di mostrare che con quest’arma sono in grado di distruggere tutte le specie viventi del pianeta.
Collegando questa dichiarazione con quanto detto dall’ex capo dell’FBI di Los Angeles, Ted Gunderson, riguardo la moria di pesci e uccelli, c’è molto da riflettere sui diversi scopi di HAARP collegati alle scie chimiche.

Libro consigliato
Cosa Nascondono i Nostri Governi?
Scie chimiche (chemtrails), haarp, ufo, ebani, codice alieno
Voto medio su 26 recensioni: Da non perdere
€ 13,90

domenica 11 novembre 2018

Le scie chimiche sono uno strumento per il controllo mentale (articolo di Alfred Lambremont Webre)

stampa la pagina


Alfred Lambremont Webre, in una sua corposa ricerca, di cui riportiamo un significativo estratto, focalizza l’attenzione su uno degli scopi delle scie chimiche, il controllo mentale. 

Per la precisione l’autore, nel suo coraggioso e documentato articolo, evidenzia le perniciose conseguenze delle chemtrails e delle irradiazioni elettromagnetiche sulla salute psico-fisica e sull’umore: l’aggressione alla salute ed all’equilibrio psicologico è perpetrata con tonnellate di veleni dispersi ogni giorno in tutto il mondo. Che cosa serve ancora per scuotere la popolazione dalla sua inerzia, per indurla a reagire? Non sono sufficienti la devastazione degli ecosistemi, la diffusione di malattie invalidanti e mortali, l’abbrutimento degli individui per scrollarci di dosso questa grigia indifferenza?


Ci sono elementi di prova che il sistema H.A.A.R.P. e le scie chimiche attuano il controllo della mente contro la popolazione umana a livello globale, oltre che su scala nazionale, regionale ed individuale. Queste operazioni di controllo mentale comprendono le seguenti attività: operazioni biologiche, compreso l'uso di agenti per la guerra biologica; operazioni elettromagnetiche, incluso il sistema H.A.A.R.P. Questi interventi costituiscono crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio ai sensi dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale ed ai sensi della Convenzioni di Ginevra.

L’espressione “mind control” è stata applicata a qualsiasi tattica, psicologica o meno, che può essere usata per sovvertire e disintegrare l’identità di un individuo, il controllo sul proprio pensiero, il comportamento, le emozioni ed il processo decisionale. Un potente e globale programma di controllo mentale è in corso contro la popolazione, attraverso le attività chimico-biologiche.

In particolare, l'aerosol diffuso contiene i seguenti valori di elementi chimici tossici, il cui effetto sui processi mentali, psicologici ed emotivi, è devastante. Le cifre di seguito riportate indicano di quante volte il limite "consentito" per legge è superato:

Alluminio: 15,8

Antimonio: 63.3 (Questo non è un errore di battitura)

Arsenico: 418 (Questo non è un errore di battitura)

Bario: 5.3

Cadmio: 6

Cromo: 6.4

Rame: 9

Ferro: 43.5 (Questo non è un errore di battitura)

Piombo: 15.7

Manganese: 513,8 (Questo non è un errore di battitura)

Nickel: 10.7

Zinco: 7.5

Le scie chimiche hanno trasformato l’atmosfera in qualcosa di simile al plasma. Respirare questo plasma con le concentrazioni sopra indicate, è stato dimostrato che causa anomalie comportamentali. Dunque le chemtrails possono essere considerate un programma di controllo mentale.

Le seguenti sono le risultanze illustrate in una relazione dellaDottoressa Ilya Sandra Perlingieri. La relazione è stata letta durante una conferenza tenutasi il 3 febbraio 2011.

1. Allucinazioni, amnesia, schizofrenia, senso di obnubilamento, mal di testa ed insonnia; languore, sonnolenza, debolezza, turbe emotive.

2. Le persone che hanno improvvise 'esplosioni comportamentali' sono in realtà affette da lesioni cerebrali derivanti dall’avvelenamento della biosfera, piena di metalli pesanti e di altre sostanze chimiche tossiche, ma costoro vengono trattati come fossero criminali.

3. E' bene sapere che l'alluminio provoca deficit cognitivi e danni cerebrali. Ci vogliono anni affinché questi danni si conclamino, tuttavia, un po’ alla volta, l’alluminio determina una distruzione lenta ma insidiosa del cervello. [...]

4. Perché tra i nostri figli si è diffusa un’epidemia di autismo? Perché sono così tanti i nostri bambini cui sono prescritti psico-farmaci per problemi comportamentali e cui vengono diagnosticati disturbi cognitivi? Perché sono milioni gli adulti che assumono farmaci anti-depressivi? " [...]

Quattro aspetti sono molto evidenti:

1. La capacità di attenzione e di concentrazione è diminuita drasticamente.

2. Le persone hanno spesso amnesie.

3. La memoria a breve termine risulta compromessa.

4. Troppe persone sono insofferenti e nervose.

Per molte persone, i processi di pensiero ed il pensiero stesso sono temi molto difficili da comprendere o anche argomenti ostici su cui discutere. Nessuno vuole sentirsi dire che la sua mente non è lucida. E’ più facile attaccare il messaggero che comprendere l'enormità delle azioni compiute dai militari e dai governi, soprattutto dal momento che nulla è riportato dai media ufficiali controllati dal sistema. E 'più facile rifiutare informazioni valide o stare sulla difensiva, piuttosto che assumersi la responsabilità personale per le questioni critiche che hanno un impatto negativo sulle nostre vite.

Fonte: ufodigest 

lunedì 5 novembre 2018

Apocalisse maltempo: qualcuno sta bombardando l’Italia?

stampa la pagina


Siamo stati deliberatamente “bombardati” da nubifragi devastanti, scatenati da perturbazioni artificiali?

«Il prossimo che riparla di scie chimiche andrà sottoposto a un Tso», disse a mo’ di battuta Matteo Renzi, scoraggiando ulteriori interrogazioni parlamentari, sul fenomeno, da parte di esponenti del Pd. Oggi però, con il Nord-Est raso al suolo da eventi mai visti a memoria d’uomo, c’è chi torna sul tema in modo più che esplicito: «Bombardamento climatico sull’Italia, un avvertimento al governo?», si domanda il blog “Disquisendo”, secondo cui «nei giorni precedenti al disastro, ci sono state fortissime operazioni di aviodispersione a bassa quota». Tutti hanno visto il cielo sereno “rannuvolarsi”, dopo l’emissione di una rete fittissima di migliaia di scie bianche rilasciate dagli aerei di linea. Follia? Complottismo da strapazzo? L’unica vera certezza è la storica carenza (in Italia, non all’estero) di spiegazioni ufficiali, definitive ed esaurienti, sulla manipolazione del clima. Si accumulano invece informazioni parziali, da fonti indipendenti, riguardo al presunto impiego clandestino della geoingegneria, inaugurata da Israele per far piovere sul deserto del Negev. La stessa Cia, oggi, ammette che sono in corso vaste sperimentazioni. Nel saggio “Owning the wheather” (possedere il clima), l’economista canadese Michael Chossudowsky svela che la “guerra climatica” è ormai una realtà.

Un silenzio tombale è calato sull’applicazione delle rivoluzionarie scoperte del fisico Nikola Tesla, all’epoca emarginato dalla comunità scientifica, mentre l’ingegnere bresciano Rolando Pelizza ha raccontato a due docenti universitari, Francesco Alessandrini e Roberta RioAlluvione in Sardegna, che il geniale Ettore Majorana (ufficialmente scomparso nel 1938 ma in reatà nascosto in Calabria fino al 2005) progettò una “macchina” capace di mutare il clima all’istante. «Dello sviluppo di questa “macchina”, costruita in 50 esemplari su istruzioni dello stesso Majorana – assicura Pelizza – fu incaricato direttamente il governo italiano tramite Giulio Andreotti, che poi passò il dossier alla Cia». Un altro italiano, l’imolese Pier Luigi Ighina – assai meno celebre di Majorana, ma notissimo agli appassionati – riprodusse anche per le telecamere di “Report”, su Rai Tre, il suo straordinario esperimento, condotto con mezzi artigianali: Ighina era in grado di far piovere, creando nuvole nel cielo sereno (o a scelta, di far spuntare il sole tra i nuvoloni) semplicemente azionado, da terra, le pale di una sorta di ventilatore gigante, cosparse di alluminio. Il trucco? Cambiare la consistenza elettromagnetica della bassa atmosfera, immettendo vortici di onde.
«La manipolazione climatica è realtà», sostiene il sito “Dionidream”, citando estati torride e mezze stagioni scosse da nubifragi e alluvioni di inaudita violenza, come quelli che hanno messo in ginocchio varie aree della Pensiola, a cominciare dal Veneto, dove le trombe d’aria hanno divelto decine di migliaia di alberi, devastando storiche foreste alpine. Fuori dall’Italia, il fenomeno della manipolazione climatica non è esattamente una novità: «Festa in cielo, vietata la pioggia», titolò il Tgcom24 di Mediaset il 23 marzo 2009, parlando di «aerei in cielo per disperdere le nubi» in occasione del settantesimo anniversario della “repubblica popolare” fondata da Mao. «Per impedire che la pioggia rovini i grandiosi festeggiamenti in programma, si ricorrerà a una tecnica senza precedenti», raccontò il telegiornale: «L’aviazione impiegherà 18 apparecchi che disperderanno nell’atmosfera prodotti chimici per impedire che dal cielo sopra Pechino cada la pioggia». Nello stesso anno, a novembre,Tragedia maltempo a Terracina sempre la Cina s’imbiancò fuori stagione, come raccontò “La Repubblica”: «Una nevicata precoce ha coperto con un’abbondante coltre bianca Pechino. Il tutto ha però ha avuto un aiutino dell’Ufficio Modificazione del Tempo della capitale cinese».
I tecnici, riferì tranquillamente l’agenzia “Xinhua”, «hanno riversato in cielo con degli aerei 186 dosi di ioduro d’argento, per approfittare delle nuvole e del brusco calo della temperatura». Questo, scrisse “Repubblica”, «ha generato la nevicata», il cui scopo era «alleviare la persistente siccità». Ammise Zhang Qiang, responsabile dell’ufficio meteorologico: «Non ci facciamo sfuggire occasione per provocare precipitazioni, da quando Pechino registra una persistente condizione di siccità». Due anni dopo, nel 2011, l’allora presidente iraniano Mahmud Ahmedinejad accusò l’Occidente di aver provocato una gravissima siccità per mettere in crisi l’economia agricola del paese. «Secondo rapporti sul clima, accuratamente verificati, le potenze occidentali forzano le nuvole fino a far piovere», dichiarò Ahmedinejad, come confermato dal “Giornale”. «I nostri nemici distruggono le nuvole prima che arrivino sul nostro paese». Ancora la Cina, già nel 2011, è tornata protagonista sul tema, annunciando un investimento da 120 milioni di euro per riuscire, entro il 2015, a far aumentare del 10% le precipitazioni nelle zone più aride.
«Un primo esperimento in tal senso era stato già condotto nel febbraio 2009, quando diverse regioni erano state irrorate da una pioggerellina leggera, generata da agenti chimici sparati nell’atmosfera con 2.392 razzi e 409 cannoni, in grado di creare nuvole cariche di pioggia», scrive il sito “Greenews”. «Le nuvole ‘adatte’ alle precipitazioni vengono ‘seminate’ con ioduro d’argento, un agente chimico che favorisce l’aggregazione delle molecole d’acqua per creare grandi gocce abbastanza pesanti da cadere al suolo». La tecnologia in realtà non è nuova, aggiunge “Greenews”: i primi esperimenti risalgono alla Guerra Fredda. «Durante la guerra del Vietnam, gli Stati Uniti lanciarono l’Operazione Popeye per cercare di intensificare i monsoni sul Sentiero di Ho Chi Minh, la rete di strade che andavano dal Vietnam del Nord al Vietnam del Sud passando per Laos e Cambogia, usate dai Vietcong e dai loro sostenitori. Nel 1978, però, gli esperimenti per far piovere artificialmente negli Usa Dolomiti, addio alle foreste di Stradivarifurono interrotti, in seguito a una grave inondazione causata dal bombardamento chimico delle nubi». Dal Sud-Est Asiatico al Medio Oriente: «Israele “stimola” le nuvole dal 1961 e riesce così a rendere fertili e rigogliose terre di per sé aride».
«Nel mondo ci sono diversi esperimenti in corso di questo tipo, ma siamo lontani dal poter dire di essere in grado di controllare la pioggia», disse nel 2012 a “Greenews” uno specialista come Sandro Fuzzi, climatologo del Cnr di Bologna, al quale allora sembrava remoto il rischio di gravi effetti collaterali, dato che gli interventi si svolgevano «su scala ridotta, al massimo di qualche decina di chilometri», mentre i fenomeni più distruttivi, come le alluvioni, «riguardano fronti di centinaia e anche migliaia di chilometri». L’ultima frontiera, aggiunge ancora “Greenews”, consiste nel bombardare le nuvole dal basso con dei laser: esperimento condotto nel 2010 in laboratorio e poi «replicato a Berlino da un gruppo di ricercatori dell’università di Ginevra e pubblicato sulla rivista “Nature Photonics”». Con un laser di grande potenza, una specie di “cannone energetico”, i ricercatori hanno colpito ed “eccitato” le molecole di gas presenti nell’aria. «Il risultato è stata la formazione di nuclei di condensazione attorno ai quali si sono create piccole gocce di acqua». Secondo il blog “Shivio news”, già nel 2012 erano oltre 20 i paesi impegnati nella sperimentazione di nuove tecniche per provocare precipitazioni.
In vetta alla classifica primeggiano i soliti cinesi: Pechino, letteralmente, «impiega nel “rainmaking” oltre 37.000 addetti, fra tecnici e ricercatori», mentre «una trentina di aerei, 4.000 rampe per razzi e 7.000 cannoni vengono usati per sparare in cielo nuclei di sostanze intorno alle quali stimolare processi di condensazione di gocce d’acqua o cristalli di ghiaccio». Negli Stati Uniti, gli aerei «gettano nelle nuvole ghiaccio secco e ioduro d’argento». In Sudafrica si usa invece il cloruro di potassio: «I sali vengono diffusi da aerei che volano sotto le nubi in formazione, e servono ad aumentare il numero e la misura delle gocce». Anche il Messico, aggiunge “Shivio”, sta sperimentando la tecnica sudafricana, che «sembra che sia in grado di aumentare di un terzo il volume delle precipitazioni». Qualcuno poi ricorderà la primissima performance, in assoluto, della geoingegneria più spettacolare: il 9 maggio del lontano 2007, in occasione della fastosa celebrazione dell’anniversario della vittoria dell’Urss Eccezionale acqua alta a Venezianella Seconda Guerra Mondiale, il Tg1 riprese lo spettacolo del sole riapparso “miracolosamente” tra le nubi nerissime del cielo di Mosca, grazie a una portentosa miscela a base di azoto, iodio e argento diffusa dagli aerei.
Dall’uso civile a quello militare, il passo è breve: «Almeno quattro paesi – Stati Uniti, Russia, Cina e Israele – dispongono delle tecnologie e dell’organizzazione necessaria a modificare regolarmente il meteo e gli eventi geologici per varie operazioni militari ufficiali e segrete, legate a obiettivi secondari, tra cui il controllo demografico, energetico e la gestione delle risorse agricole». Lo disse già nel 2012 l’esperto aerospaziale Matt Andersson, allora in forza alla compagnia hi-tech Booz Allen Hamilton di Chicago. In un’intervista al “Guardian”, Hamilton ha ammesso: il nuovo tipo di guerra non convenzionale «comprende la capacità tecnologica di indurre, spingere o dirigere eventi ciclonici, terremoti e inondazioni, includendo anche l’impiego di agenti virali per mezzo di aerosol polimerizzati e particelle radioattive, trasportate attraverso il sistema climatico globale». Lo stesso Hamilton ha citato una think-tank della galassia neocon, il Bpc (Bipartisan Policy Center, con sede a Washington) e il suo rapporto nel quale chiede agli Usa e agli alleati di accelerare la sperimentazione su larga scala del cambiamento climatico.
Secondo il “Guardian”, il gruppo è finanziato da «grandi compagnie petrolifere, farmaceutiche e biotecnologiche», e rappresenta «gli interessi corporativi del mondo militare e scientifico statunitense». Il newsmagazine “Sputnik News”, citando il canadese Chossudovsky, osserva: la geoingegneria ha omai prodotto «sofisticate armi elettromagnetiche». E anche se la cosa non è ammessa ufficialmente, neppure a livello scientifico, le capacità di manipolare il clima (anche per scopi militari) sono in stato avanzatissimo. La storia di questa disciplina risale addirittura al 1940, quando il matematico americano John Von Newman, al Pentagono, iniziò la sua ricerca per la modifica del clima. Obiettivo: alterare i modelli meteorologici. Una tecnologia sviluppata negli anni ‘90 secondo il programma di ricerca della cosiddetta “alta frequenza aurorale attiva” (Haarp, High Frequency Active Auroral Research Program), come appendice di una iniziativa strategica di difesa, le “Guerre stellari”. Val di Fiemme, crollo di un ponteIl programma Haarp, installato in Alaska e poi bloccato, sarebbe stato parte di una strategia tuttora attiva: le brusche modifiche del clima possono «estendersi, avviando inondazioni, uragani, siccità e terremoti».
Ammissioni ufficiali? Impensabili. Meglio lasciare che certe voci circolino in modo incontrollato (bufale comprese), per poi liquidare il tutto sotto la voce “teoria del complotto”. «E’ naturale che su un tema come il cambiamento climatico la Cia collaborerebbe con gli scienziati per meglio comprendere il fenomeno e le sue implicazioni sulla sicurezza nazionale», ha detto un portavoce dell’intelligence Usa, dopo la diffusione della notizia, da parte del sito legato al periodico statunitense “Mother Jones”, secondo cui proprio la Cia starebbe aiutando con ingenti finanziamenti la Nas, National Academy of Sciences, impegnata in uno studio sull’applicazione della geoingegneria per manipolare il clima. Su “Meteoweb”, Filomena Fotia spiega che “Mother Jones” descrive lo studio come un’inchiesta riguardante «un numero limitato di tecniche di geoingegneria, inclusi esempi di tecniche di gestione delle radiazioni solari (Srm, Solar Radiation Management) e rimozione dell’anidride carbonica (Cdr, Carbon Dioxide Removal). Geoingegneria “buona”, per proteggerci dall’attività solare divenuta pericolosa per la Terra?
«La manipolazione meteorologica – aggiunge Fotia – è stata riportata in auge da molti commentatori statunitensi in occasione dei devastanti tornado in Oklahoma, o di altri eventi estremi come l’uragano Sandy, che sarebbero stati “generati dal governo” usando la base dell’Haarp in Alaska». Ma, appunto: il tema si presta a speculazioni incontrollate, vista la mancanza di riscontri esaurienti da parte delle autorità, sempre estremamente laconiche, come quelle interpellate nel 2014 da Alessandro Scarpa, allora consigliere comunale di Venezia. “Grandinata anomala e scie chimiche, il maltempo si tinge di mistero”, titolò il 24 settembre il “Gazzettino”, storico quotidiano veneziano, dopo «una grandinata fuori dal normale», sotto un cielo «carico di nubi come mai si era visto». E lassù, «quelle scie bianche nel cielo terso il giorno dopo». Sono bastati questi due fenomeni, Dolomiti, franascriveva il “Gazzettino” quattro anni fa, a ridestare un quesito: e se questo maltempo eccezionale non fosse il risultato delle bizze atmosferiche, ma di qualcosa di “chimico”?
In redazione arrivò una lettera allarmatissima: grondaie intasate da “noci” di ghiaccio persistenti ed enormi: «Come mai questo ghiaccio non si è sciolto? Sembrerebbe di formazione chimica, da laboratorio, e non naturale». Per Alessandro Scarpa, vale la pena di esaminarli, certi fenomeni, «se non altro per capire di cosa si tratta» Ad esempio, «le strane scie chimiche che si vedono nei nostri cieli». Molte le segnalazioni pervenute al Consiglio comunale, «da parte di cittadini veneziani, preoccupati, che chiedono spiegazioni». Scarpa si è rivolto inutilmente all’Enav, l’ente nazionale di assistenza al volo, che gestisce il controllo del traffico degli aerei civili. Nessun lume neppure dal ministero dell’ambiente di Roma: risposte evasive o bocche cucite. «È quindi opportuno – sottolinea Scarpa – preoccuparsi seriamente per noi e per i nostri figli». E aggiunge, rivolto ai giornalisti disattenti: «Questa mattina, quando il cielo era limpidissimo, si sono viste una quindicina di linee nel cielo veneziano». Quattro anni dopo, la situazione è gravemente peggiorata: non c’è più una giornata serena senza che il cielo non sia “sporcato” dalle scie, di ora in ora, mentre l’Italia sta diventando il bersaglio di violentissime tempeste di tipo tropicale, come quella che ora ha messo in ginocchio il Nord-Est.
Lo scorso anno, a gennaio, il colonnello Mario Giuliacci – affabile volto televisivo – sul suo sito ha tentato di sgombrare il campo da ogni illazione, presentando testualmente un comunicato ufficiale dell’aeronautica militare. La spiegazione dei militari è ineccepibile, riguardo alla vistosa presenza di molte delle scie: «Le nuove generazioni di motori che equipaggiano i moderni aeroplani a reazione, per avere un miglior rendimento termodinamico dato dalla differenza di temperatura tra la camera di combustione e l’ambiente esterno, impiegano miscele di acqua e carburante la cui combustione genera le enormi quantità di vapore acqueo che sono all’origine delle scie». Secondo i militari, dunque, sono aumentate in modo esponenziale le scie di condensazione, in gergo “contrails”, destinate poi a scomparire nell’atmosfera. «Per le caratteristiche termodinamiche Alberi stroncati dall'uraganodei motori, per le quote di volo e per la localizzazione – aggiunge l’aeronautica – la quasi totalità delle scie che si osservano in cielo sono prodotte dai jet di linea degli operatori commerciali. La loro durata è variabile da pochi istanti a minuti e talvolta a ore, in dipendenza dell’umidità, delle temperature e in genere delle condizioni termodinamiche dell’aria circostante».
Poi la chiosa: «Per quanto ci compete, l’Aeronautica Militare non possiede aeromobili che generano o emettono scie differenti da quelle prodotte a causa della condensazione di vapore acqueo». Il che – alla lettera – non significa escludere la presenza di altre scie, di ben diversa natura, emesse da velivoli estranei all’aeronautica militare italiana: le famigerate “chemtrails”, appunto. Tra le pagine del blog “Su la testa”, il giornalista investigativo Gianni Lannes (vittima di minacce e attentati per le sue indagini scomode, specie quelle sulla mafia dei rifiuti) sostiene che si è ormai clamorosamente violata la “Convenzione sul divieto dell’uso di tecniche di modifica dell’ambiente”, a fini militari o ad ogni altro scopo ostile, nota anche come Convenzione Enmod: «E’ il trattato internazionale che proibisce l’uso delle tecniche di modifica dell’ambiente». Firmata il 18 maggio 1977 a Ginevra, è entrata in vigore il 5 ottobre 1978, approvata anche dall’Onu. Gli Stati firmatari sono 48, inclusi gli Usa, di cui 16 non hanno ancora ratificato il trattato. In totale, i paesi che vi hanno aderito sono 76. «L’Italia ha firmato la Convenzione a Ginevra il 18 maggio 1977 e l’ha ratificata con la legge numero 962 del 29 novembre 1980, grazie al presidente della Repubblica Sandro Pertini e all’approvazione quasi all’unanimità del Parlamento».
Secondo Lannes, questa verità viene regolarmente “oscurata” perché illegale, oltre che aberrante. Ma l’Italia, sostiene Lannes, ha concesso i propri cieli durante l’infelice G8 di Genova del 2001, quando Berlusconi firmò un trattato segreto, con Bush, che trasformava il nostro paese in un’area-test per l’irrorazione dell’atmosfera. Dal 2003, l’operazione è scattata. E nessuno ne parla: è top secret. Si chiama “Clear Skies Initiative”. Lannes attinge direttamente a fonti della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato: le pagine istituzionali americane ammettono apertamente che il 19 luglio 2011, a Genova, Bush e Berlusconi impegnarono i loro paesi in un programma di ricerca sul cambiamento climatico e sullo sviluppo di “tecnologie a bassa emissione”. Operazione poi approvata il 22 gennaio 2002 dal ministero italiano dell’ambiente e dal Dipartimento di Stato UsaScie chimicheDunque, scrive Lannes nel blog “Su la testa”, cambiamenti climatici indotti e “collaborazione” (si fa per dire) tra Stati Uniti e Italia, con quest’ultima a fare da cavia. «Dalla documentazione delle autorità nordamericane emerge che in questa vasta operazione gestita in prima battuta dal Pentagono, dalla Nasa e dalla Nato, sono coinvolte addirittura le industrie e le multinazionali più inquinanti al mondo: Exxon Mobil, Bp Amoco, Shell, Eni, Solvay, Fiat, Enel».
Tutti insieme appassionatamente, secondo il giornalista, compreso il settore scientifico: università italo-americane, Enea, Cnr, Ingv, Arpa e così via. «Insomma, controllori e controllati. L’Enac addirittura ha partecipato ad un test “chemtrails” in Italia insieme a Ibm, ministero della difesa, stato maggiore dell’aeronautica e ovviamente Nato». Mancano, sempre, le conferme ufficiali. In compenso si scatenato i “debunker” come Paolo Attivissimo: “Scie chimiche, aria fritta con contorno di bufala e grana”. Dopo il disastro aereo del volo Germanwings del 2015, schiantatosi sulle Alpi francesi, anche il “Giornale” si sbizzarrisce: “Airbus, dalle scie chimiche alle ’strane scritte’: complottisti scatenati”. Nel frattempo Enrico Gianini, ex addetto aeroportuale di Malpensa, racconta a “Border Nights”: una volta a terra, gli aerei delle compagnie low-cost perdono liquido inquinato da metalli pesanti, e non lasciano più caricare i bagagli nelle stive di coda, come se fossero ingombre di serbatoi clandestini. «Se mi denunciano, chiederò al tribunale di “smontare” uno di quegli aerei: così scopriranno finalmente cosa trasporta». Ma la notizia resta negli scantinati del web, mentre il finimondo rade al suolo il Veneto e la Cina stipendia regolarmente (e apertamente) i suoi bravi “rainmaker”.