Macrolibrarsi
"Salve sono l'amministratore del blog, vi comunico che ho inserito nel sito dei prodotti per la difesa del nostro sistema immunitario, integratori e dei libri utilissimi per una buona e sana alimentazione. Un caro saluto a tutti 😊 "

GOOGLE Traduttore

RICERCA PERSONALIZZATA

07 luglio 2022

I SEGRETI DI MICHAEL JACKSON

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina


I SEGRETI DI MICHAEL JACKSON 



Nel misterioso mondo delle teorie della cospirazione, ce n'è una particolarmente affascinante che riguarda il talentuoso e generosissimo Michael Jackson, nel corso della sua carriera, ha donato oltre 300 milioni di dollari in beneficenza, cui si aggiunge un'ulteriore somma plurimilionaria per garantire preziose cure mediche a bambini, malati o feriti gravemente, molti dei quali, potendosele permettere, senza di lui sarebbero morti nell'indifferenza generale. 

Quando i notiziari confermarono la morte di Jackson in data 26.6.2009, fu un colpo tremendo , non solo per i milioni di fan, ma anche per chi gli doveva letteralmente la vita. Fra le tante iniziative positive del re del pop per migliorare la qualità del mondo, vi fu la "Heal The World Foundation" da lui creata tramite l'immensa somma guadagnata nel corso del Dangerous World Tour. Sembrerebbe che proprio questo innato altruismo di Michael gli abbia inimicato tutti quei poteri forti deviati che invece lucrano sul mantenere il mondo in perenne conflitto e divisione.


L'odio nei confronti del cantante non nasceva solo dall'essere danneggiati dalla sua beneficenza, ma sarebbe dipeso anche dal fatto che gli incassi da lui devoluti per la creazione della "Heal The World foundation" si basavano su un tour che promuoveva la vendita dell'album Dangerous, nella copertina sarebbero presenti allegorie e simbolismi di matrice iniziatico-esoterico-occultista, il cui vero messaggio era destinato unicamente a coloro che ne possedevano la corretta chiave di lettura: ossia quegli agenti dei servizi segreti che, infiltratisi anche loro all'interno degli illuminati, ne avrebbero riconosciuto il linguaggio criptato. Le interpretazioni presenti su internet sono molto distanti dalla corretta decifrazione. Michael infatti avrebbe collaborato proprio con agenti dei servizi segreti che combattevano l'elite deviata. Potrebbe probabilmente essere stato aiutato , proprio dai servizi segreti, a simulare la propria morte.

Del resto, al cantante i mezzi e il movente per attuare questo progetto non mancavano di certo: centinaia di milioni di dollari, amicizie vere su cui poter contare, riconoscimenti di avergli salvato la vita, fra cui David Rothenberg, un bimbo, oggi adulto, di cui Michael si prese cura all'età di 9 anni, quando sopravvisse miracolosamente, nonostante il corpo ustionato al 90%, al folle tentativo del padre di bruciarlo vivo. Michael avrebbe ottenuto in prestito per un giorno l'identità dell'amico al fine di poter salutare a suo modo , per l'ultima volta, sebbene travestito e mascherato, quel pubblico che tanto lo aveva amato.


Il medico accusato di aver ucciso Michael

Condannato a 4 anni per omicidio colposo, di cui la maggior parte agli arresti domiciliari, potrebbe aver ricevuto in cambio della sua collaborazione la promessa di un enorme premio in denaro come risarcimento per vedersi distruggere la carriera, pur di coprire la verità che il cantante è ancora in vita, se questa teoria fosse corretta Michael in data 25.6.2009 avrebbe quindi assunto medicinali che ne avrebbero simulato la morte. L'autopsia e il resto, farebbe tutto parte di un piano dei servizi segreti per proteggere Michael dalla vendetta degli illuminati. Ma non è tutto.

Esistono teorie cospirazioniste secondo cui Jackson, come altre persone impegnate, non solo sul palcoscenico, ma anche su altri piani nel mondo dello spettacolo, collaborerebbero o farebbero addirittura parte di quei pochi servizi rimasti che ancora tenterebbero di documentare e contrapporsi all'onnipresenza degli illuminati. Il gruppo di potere in questione infatti, influirebbe occultamente su tutto: politica, economia, strategia militare, religioni, sette, mondo dell'informazioni, industria bellica, farmaceutica, alimentare e addirittura dell'intrattenimento, fra cui il mercato discografico. 


Ma come e quando Michael sarebbe entrato a conoscenza degli illuminati?

 Una lobby di affaristi senza scrupoli, molto pericolosa e anch'essa divisa in fazioni, attirata dalle enormi potenzialità offerte dal talento di un giovanissimo Michael, avrebbe iniziato a desiderare di sfruttarlo da quando era adolescente. Gli adolescenti hanno grandi ideali. Michael Joseph Jackson si proponeva di migliorare la qualità della vita di tutti, a partire da quella dei bambini. Conoscendo la sensibilità dell'artista, gli illuminati lo avrebbero quindi fatto entrare far le loro fila ricorrendo ad un subdolo inganno: gli avrebbero infatti promesso di aiutarlo a realizzare , tramite la loro influenza, proprio quel suo desiderio innato di poter salvare il genere umano, dalle malattie, dalla corruzione, dalle guerre. 

Anno dopo anno, il cantante sarebbe stato introdotto sempre di piu' addentro ai "segreti" dell'organizzazione occulta. Ad un certo punto negli anni novanta avrebbe scoperto con raccapriccio che alcuni degli adepti più influenti dell'elite, anzichè migliorare il mondo, puntavano a soggiogarlo; il compito di Michael come di tanti altri cantanti, sarebbe stato quello di lanciare messaggi subliminali ai milioni di fan, spingendoli gradualmente ad attaccare quelle istituzioni che ancora resistevano allo strapotere della società segreta.


I primi sentori che qualcosa non andasse potrebbero evincersi da un attento ascolto dell'album Bad ( cattivo, duro):

 Michael sembra denunciare, tramite i testi delle canzoni, il marcio nel mercato discografico, il suo essersi guardato allo specchio e aver preso coscienza del da farsi (Man in the mirror), e una sua ferrea presa di posizione sul voler assolutamente allontanarsi da certi ambienti. La canzone Leave me Alone (lasciami solo), oltre ad avere un titolo molto eloquente, è ricca di allegorie tramite cui denuncia il suo sentirsi pari di un gigante mediatico imprigionato in un immenso parco giochi, un'attrazione asservita contro la sua volontà agli interessi di uomini molto piccoli dal punto di vista morale. La pericolosissima dichiarazione di guerra da parte di Michael nei confronti dell'elite sarebbe iniziata con la pubblicazione dell'album Dangerous (che significa appunto pericoloso). 


Qui Michael, ricorrendo ad allegorie e simbologie esoteriche, tramite il bravissimo disegnatore Mark Ryden, che impiegò oltre sei mesi per la realizzare la copertina non chè il modus operandi e l'identità degli illuminati spiegando addirittura, sempre tramite simbologie, come le coese vadano alla rovescia a causa degli interessi delle industrie belliche, farmaceutiche ecc..


Sarà una coincidenza, ma le ingiuste accuse di molestie nei confronti di minori che subì Michael, ebbero inizio proprio durante il Dangerous World Tour che favoriva la vendita di milioni di copie dell'omonimo album, rendendo praticamente impossibile per gli illuminati recuperarle e distruggerle. Michael anche dopo esser stato completamente assolto dai giudici, i massmedia colpevoli dell'ingiusta gogna mediatica ne' gli chiesero scusa ne' provarono a riabilitarne l'immagine. Anzi una certa parte dell'industria dell'intrattenimento proseguì a creare nel pubblico delle nuove generazioni una percezione distorta del cantante, tramite produzioni di film "comici" e video musicali dove Michael veniva parodiato, avendo cura di farlo apparire sistematicamente quale molestatore di bambini.


Si può solo immaginare quale possa essere stata la sofferenza psicologica di Michael, nel dover sostenere l'onta di accuse tanto infamanti che lo volevano far passare agli occhi del mondo intero quale molestatore di quegli stessi bambini che tanto  genuinamente aveva amato e protetto. Occorre trarre insegnamento da questi eventi poichè, indipendentemente dalle teorie cospirazioniste inerenti alla vicenda di Michael, esistono al mondo persone veramente corrotte e stolte, serve di poteri tanto invisibili quanto criminali, che hanno interesse a infangare chiunque agisca per migliorare le cose per tutti e si rifiuti di fare i loro subdoli, avidi interessi. Michael è stato un uomo buono e, come accade anche troppo spesso agli uomini buoni e altruisti, fu accusato in più occasioni di colpe di cui lo si sapeva innocente. Ovunque sia o chiunque sia oggi, Michael merita amore e rispetto per tutto quello che ha fatto per migliorare il mondo: noi siamo quel mondo.


Grazie della tua battaglia

Michael, you're not alone

I belive.


Tratto dal libro "Lux tenebrae" illuminati , il volto occulto del nuovo ordine mondiale di Adam Kadmon

Nessun commento:

Posta un commento