Attenzione ad alcuni gruppi di Facebook, sono foraggiati dalla mafia medica e fanno parte del Cicap. Sono atti a creare falso ideologico, molestie, minacce,e sopratutto far segnalare le pagine di informazione. All'interno vi sono medici corrotti avvocaticchi pennivendoli e stalker di professione. I gruppi in questione sono; Perle Complottare,NWO Italia,Perle Uncensored,LE SCIE CHIMICHE SONO UNA CAZZATA, Protesi di Protesi di Complotto, Analfabetismo Funzionale, dove trovarlo. Mi raccomando, segnalateli a Facebook. Se chiudono gli finisce la loro sporca pagnotta. (IMPORTANTE) Per sostenere questo blog cliccate sulle pubblicità correlate e certificate. Grazie"

Per sostenere questo blog cliccate sulle pubblicità correlate e certificate. Grazie

RICERCA PERSONALIZZATA

mercoledì 8 gennaio 2020

Terza guerra mondiale. L'Iran bombarda le basi statunitensi in Iraq e il mondo sta aspettando la reazione di Trump

stampa la pagina
Nella foto Hassan Rouhani (Presidente della Repubblica Islamica dell'Iran) e Donald Trump (Presidente degli Stati Uniti d'America)

L'Iran, gli Stati Uniti d'America, hanno preso sul serio le sue minacce, lanciate negli ultimi giorni dai suoi funzionari, dopo la morte del comandante della Guardia Rivoluzionaria, Qassem Solaimani, durante il quale minacciava di vendicarsi e il pezzo più forte era che i corpi degli americani si sarebbero diffusi in tutto il Medio Oriente, bombardando la base americana di Ain Al-Asad nel governatorato di Al Anbar, ad ovest dell'Iraq.



L'Iran ha bombardato la base di al-Assad e si dice che abbia preso di mira un certo numero di altri siti americani, con 10 missili balistici lanciati dal suo territorio, ma le informazioni sui feriti o sui morti non sono state confermate finora, poiché la Casa Bianca ha annunciato l'incontro del presidente degli Stati Uniti Donald Trump con la sua squadra di sicurezza nazionale per discutere degli ultimi sviluppi. In un momento in cui sono uscite le dichiarazioni iraniane che lo avvertivano della risposta al bombardamento della base militare.


Il Pentagono ha dichiarato: "Stiamo lavorando alla prima valutazione del danno causato dall'attacco ... Adotteremo tutte le misure necessarie per proteggere e difendere i soldati americani, i partner americani e gli alleati nella regione".

Nessun commento:

Posta un commento